Creazione di un'anima laterale con sformo su stampi che presentano aree di arresto. Uso della barra di congelamento delle funzioni per escludere alcune funzioni dalla ricostruzione. Creazione di anime laterali sugli stampi. Esclusione di funzioni dalla ricostruzione.
Lesson
1 anno fa
ENG
JPN
Creazione di superfici di divisione tramite linee di divisione, separando le facce della cavità dello stampo da quelle dell'anima tramite lo strumento Superficie di divisione. Creazione di superfici di divisione lungo la linea di divisione perpendicolare alla direzione di trazione. Analisi delle opzioni disponibili per una superficie di divisione.
Lesson
1 anno fa
ENG
JPN
Lo strumento Superfici di chiusura consente di chiudere le aree di stampaggio aperte in una parte, tagliando in due il blocco matrice/punzone. Identificazione delle aree di stampaggio aperte nella parte. Uso dello strumento Superfici di chiusura per chiudere le aree di stampaggio aperte. Identificazione delle situazioni che richiedono superfici di chiusura.
Lesson
1 anno fa
ENG
JPN
Verifica dell'esistenza di uno sformo appropriato nella parte da stampare. Senza uno sformo appropriato, potrebbe essere impossibile estrarre correttamente la parte dallo stampo. Valutazione dello sformo di una parte stampata. Analisi dei vari tipi di facce con sformo.
Lesson
1 anno fa
ENG
JPN
Sono disponibili vari strumenti di stampo per preparare una parte per lo stampaggio a iniezione, inclusi quelli per il cambiamento di scala, le linee di divisione, le superfici di divisione e le superfici di chiusura. Dopo la preparazione della parte, è possibile creare l'anima e la cavità. Identificazione del piano di divisione. Creazione di una superficie di divisione. Creazione di superfici di chiusura. Creazione del corpo, dell'anima e della cavità di uno stampo.
Lesson
1 anno fa
ENG
JPN
Come inserire e modificare le quote nelle viste di disegno esistenti. È possibile importare quote da un modello, creare quote pilotate personalizzate e spostare quote da una vista all'altra. Inserimento e modifica di quote pilota. Creazione di quote pilotate. Modifica delle proprietà di una quota.
Lesson
1 anno fa
ENG
JPN
Come utilizzare i comandi della vista di disegno specifici per l'utilizzo di modelli di assieme che includono viste in sezione scomposta, viste di posizione alternativa e viste esplose. Uso delle proprietà delle viste di disegno per rappresentare le configurazioni degli assiemi. Creazione di una vista in sezione scomposta per mostrare i componenti interni di un assieme. Creazione di una vista di posizione alternativa utilizzando una configurazione nuova o esistente. Creazione di una vista di disegno di un assieme esploso.
Lesson
1 anno fa
ENG
JPN
La modalità Revisione grande progetto offre prestazioni superiori e migliora le funzioni visive, limitando al tempo stesso l'accesso ai dettagli di sottoassiemi e parti costitutive. La modalità Revisione grande progetto è perfetta per presentazioni visive, misurazioni approssimative e viste in sezione. Apertura di un assieme in modalità Revisione grande progetto. Strumenti e funzioni disponibili nella modalità Revisione grande progetto. Analisi delle limitazioni della modalità Revisione grande progetto.
Lesson
1 anno fa
ENG
JPN
I blocchi consentono di raggruppare entità di schizzo e quote al fine di spostarli come una singola entità in uno schizzo. Utilizzando anche uno schizzo di layout, è possibile passare direttamente dallo schizzo di un assieme all'assieme completo. Creazione, modifica e salvataggio di blocchi. Creazione di uno schizzo di layout di un assieme utilizzando i blocchi. Creazione di componenti di assiemi basati su blocchi esistenti.
Lesson
1 anno fa
ENG
JPN
La funzione Serie fori consente di aggiungere fori a più componenti in un assieme. Diversamente dalle comuni funzioni per gli assiemi, Serie fori aggiunge funzioni a livello di parte ai singoli componenti. Creazione di una funzione Serie fori in un assieme. Creazione di una funzione Serie fori a partire da una funzione foro esistente. Differenza tra la funzione Serie fori e una tipica funzione di assieme.
Lesson
1 anno fa
ENG
JPN
Per controllare la visibilità e lo stile di visualizzazione dei componenti, è possibile creare stati di visualizzazione che possono essere collegati alle configurazioni di un assieme. Gli stati di visualizzazione consentono di mostrare e nascondere i componenti e permettono di controllarne la modalità di visualizzazione, l'aspetto e la trasparenza. Aggiunta di stati di visualizzazione a un assieme. Modifica delle proprietà visive dei componenti con stati di visualizzazione. Analisi delle tecniche di selezione dei componenti. Utilizzo del riquadro di visualizzazione. Apertura di un assieme con una configurazione e uno stato di visualizzazione specifici. Collegamento degli stati di visualizzazione alle configurazioni.
Lesson
1 anno fa
ENG
JPN
Osservando le transizioni fra superfici a spirale e superfici adiacenti è possibile comprendere i tre concetti di continuità utilizzati nei sistemi CAD. Identificazione della continuità di tipo C0 (contatto), C1 (tangente) e C2 (curvatura).
Lesson
1 anno fa
ENG
JPN
In SOLIDWORKS sono disponibili numerosi strumenti per la valutazione della geometria delle parti. Analizzando la curvatura di curve e superfici delle parti, è possibile valutare la qualità delle transizioni tra le funzioni e le superfici stesse. Definizione di curvatura. Visualizzazione della curvatura tramite colori che consentono di valutare le superfici di un modello. Uso di pettini di curvatura per la valutazione delle curve di uno schizzo. Informazioni sulla visualizzazione del raggio minimo e dei punti di inflessione di una curva. Uso di zebre per simulare i riflessi sulle facce di un modello. Uso degli strumenti di valutazione per riconoscere le condizioni di tangenza e curvatura continua.
Lesson
1 anno fa
ENG
JPN
Si avvolge uno schizzo piatto attorno a una superficie conica o cilindrica. Una funzione di avvolgimento può essere in rilievo, che aggiunge materiale, incisa, che rimuove materiale, o di iscrizione, che divide le facce. Individuazione del piano di schizzo per una funzione di avvolgimento. Definizione della lunghezza di uno schizzo tramite un'equazione. Rimozione di materiale tramite l'opzione di incisione della funzione di avvolgimento.
Lesson
1 anno fa
ENG
JPN
Viene illustrata la creazione di curve 2D o 3D definite da equazioni matematiche. La curva può essere esplicita, dove y è una funzione di x, o parametrica, dove x, y e z sono funzioni di t. Creazione di una spline 3D utilizzando un'equazione matematica parametrica. Creazione di una funzione di sweep utilizzando una spline 3D come percorso e un'altra come curva guida.
Lesson
1 anno fa
ENG
JPN
Viene creata una curva attraverso una serie di punti con coordinate X, Y e Z, immessi in una finestra di dialogo o importati da un file di testo ASCII. Creazione di una curva tramite l'immissione delle coordinate X, Y e Z dei punti attraversati dalla curva. Importazione delle coordinate X, Y e Z di una serie di punti attraversati dalla curva. Conversione di una curva in entità di schizzo.
Lesson
1 anno fa
ENG
JPN
Si impostano le opzioni di una funzione di sweep per controllare l'orientamento e la torsione del profilo lungo il percorso. Uso di pettini di curvatura per valutare la curvatura di percorsi e curve guida. Controllo della torsione del profilo lungo il percorso di una sweep.
Lesson
1 anno fa
ENG
JPN
Vengono illustrate le opzioni di sweep che controllano l'orientamento e la torsione del profilo della sweep lungo il relativo percorso. Impostazione delle opzioni di orientamento e torsione per controllare il profilo della sweep. Differenza tra Segui percorso e Mantieni normale costante. Uso di pettini di curvatura per osservare la torsione nel profilo della sweep.
Lesson
1 anno fa
ENG
JPN
Vengono illustrate le best practice per la creazione di schizzi di profilo per una sweep. e vengono aggiunte relazioni tra le entità di schizzo del profilo e le curve guida. Vengono quindi create relazioni di schizzo per ottenere un profilo di forma corretta lungo l'intero percorso. Impostazione del percorso e delle curve guida prima della creazione di uno schizzo di profilo. Aggiunta di relazioni di perforazione fra curva guida e schizzi di profilo. Creazione di una funzione di sweep con curve guida. Uso di relazioni di perpendicolarità e parallelismo per la definizione di profili di sweep.
Lesson
1 anno fa
ENG
JPN
Viene illustrata la creazione e la modifica di alcune spline tramite punti delle spline, relazioni, poligoni di controllo e quadratini di ridimensionamento delle spline. Le spline possono essere formate da vari punti o solo da due. Schizzi con spline. Modifica del numero dei punti di spline. Modifica della forma delle spline con relazioni, poligoni di controllo e quadratini di ridimensionamento delle spline.
Lesson
1 anno fa
ENG
JPN
Si copia e si deriva uno schizzo, per utilizzare più volte lo schizzo originale. Uno schizzo copiato non è correlato all'originale, mentre uno schizzo derivato rispecchia le modifiche apportate allo schizzo originale. Creazione di uno schizzo derivato che mantiene la stessa forma dello schizzo originale. Copia di uno schizzo. Modifica della posizione e delle quote di uno schizzo. Creazione di un loft passante per tre schizzi di profilo.
Lesson
1 anno fa
ENG
JPN
Si utilizza la funzione di loft o di contorno per creare una transizione che si fonde correttamente con la geometria circostante. Vengono impostate le opzioni di tangenza per una funzione di delimitazione che segue la curvatura delle facce adiacenti. Unione di due porzioni di un modello con profili diversi. Analisi delle opzioni disponibili per la creazione di una funzione di delimitazione.
Lesson
1 anno fa
ENG
JPN
Applicazione di opzioni ai raccordi a raggio costante per modificare le funzioni, le facce e i bordi adiacenti. Uso delle opzioni per controllare la geometria in un raccordo a raggio costante. Mantenimento o eliminazione delle funzioni presenti nell'area del raccordo. Impostazione del tipo di eccedenza per determinare il comportamento dei raccordi con larghezza superiore allo spazio disponibile. Smussatura degli spigoli nel punto di incontro dei bordi di due raccordi.
Lesson
1 anno fa
ENG
JPN
Vengono creati alcuni raccordi delle facce per modificare e riparare la geometria importata. Le dimensioni e la forma dei raccordi vengono definite utilizzando facce e bordi selezionati, anziché un raggio costante. Per definire il raccordo della faccia, si utilizzano opzioni come Curvatura continua, Larghezza costante, Propagazione tangente e Linea limite. Modifica della geometria importata utilizzando il raccordo della faccia. Verifica della continuità della curvatura con le facce adiacenti al raccordo. Impostazione di un raccordo con lunghezza di corda costante. Definizione di un bordo di arresto, o linea limite, per un raccordo di faccia.
Lesson
1 anno fa
ENG
JPN