È possibile creare ripetizioni guidate da uno schizzo, ripetizioni guidate da una tabella, ripetizioni guidate da una curva e ripetizioni di riempimento. Tali ripetizioni consentono di ripetere funzioni in direzioni non lineari o non circolari. Uso di punti dello schizzo per definire una ripetizione guidata da uno schizzo. Impostazione delle coordinate per una ripetizione guidata da tabella. Conversione di entità per creare uno schizzo per una ripetizione guidata da una curva. Distribuzione di funzioni all'interno di un contorno tramite una ripetizione di riempimento.
Lesson
7 mesi fa
ENG
JPN
Uso delle opzioni Dinamica fisica durante lo spostamento dei componenti per consentire un'interazione realistica fra i componenti di un assieme. La funzione Dinamica fisica consente di identificare le collisioni tra le facce e permette ai componenti di spingersi a vicenda quando entrano in contatto. Opzioni disponibili per il comando Sposta componente. Uso dell'opzione Dinamica fisica per simulare l'interazione fra più componenti in fase di spostamento. Limitazioni di Dinamica fisica rispetto allo studio del movimento. Come risolvere i problemi durante l'utilizzo dell'opzione Dinamica fisica.
Lesson
7 mesi fa
ENG
JPN
Lo strumento di rilevamento delle interferenze consente di identificare le eventuali parti sovrapposte in un assieme. La distanza tra le parti può essere rilevata anche utilizzando lo strumento Verifica distanza. Uso dello strumento Rilevamento interferenze per identificare le interferenze tra i componenti di un assieme. Analisi delle opzioni disponibili nello strumento Rilevamento interferenze. Uso dello strumento Verifica distanza per determinare le distanze fra i componenti di un assieme. Analisi delle opzioni disponibili per lo strumento Verifica distanza.
Lesson
7 mesi fa
ENG
JPN
È possibile copiare le istanze di una o più funzioni o corpi specchiandoli rispetto a un piano o una faccia planare di riferimento. La copia risultante appare invertita, come in uno specchio, ma conserva la simmetria. Creazione di ripetizioni specchiate di funzioni e corpi. Controllo dei risultati con l'opzione di Ripetizione geometrica.
Lesson
7 mesi fa
ENG
JPN
Creazione di una ripetizione di uno o più funzioni o corpi in una o due direzioni circolari. La direzione circolare è basata su una faccia conica o cilindrica, un bordo circolare o lineare, una linea di mezzeria o un asse. La spaziatura delle istanze può essere controllata in modi diversi. Creazione di ripetizioni circolari con le funzioni esistenti. Variazione di spaziatura e intervallo.
Lesson
7 mesi fa
ENG
JPN
È possibile creare una ripetizione di una o più funzioni o corpi in una o due direzioni lineari. Le istanze indesiderate possono essere escluse dalla ripetizione ed è possibile variare la spaziatura e le altre quote. Creazione di ripetizioni lineari bidirezionali con le funzioni esistenti. Come ignorare le istanze in una ripetizione. Variazione dei parametri delle istanze di una ripetizione.
Lesson
7 mesi fa
ENG
JPN
La funzione Creazione guidata fori consente di creare fori con dimensioni standard conformi ad ANSI, ISO e altri standard internazionali. Il tipo, la dimensione e la posizione del foro vengono specificati dall'utente. Uso della Creazione guidata fori. Elementi e opzioni disponibili per i fori realizzati con la creazione guidata. Creazione di più fori nella stessa funzione.
Lesson
7 mesi fa
ENG
JPN
È possibile creare piani di riferimento con qualsiasi orientamento, utilizzando la geometria di riferimento e la geometria solida esistenti. I piani di riferimento possono essere utilizzati per la creazione di schizzi o come riferimento per altre funzioni. Creazione di piani di riferimento con vari orientamenti a partire da selezioni di riferimento diverse. Creazione di piani di riferimento da uno o più riferimenti geometrici
Lesson
7 mesi fa
ENG
JPN
Le opzioni per la selezione dei contorni consentono di selezionare singoli contorni all'interno di uno schizzo. Utilizzando le tecniche di selezione dei contorni, è possibile creare più funzioni a partire da un singolo schizzo. Uso dello strumento di selezione dei contorni per preselezionare i contorni di una funzione. Uso delle opzioni di selezione dei contorni di una funzione per definire le aree di uno schizzo da utilizzare. Uso di un singolo schizzo per generare più funzioni. Significato delle icone visualizzate durante l'utilizzo di contorni selezionati e la condivisione di schizzi.
Lesson
7 mesi fa
ENG
JPN
Gli strumenti di schizzo "Entità di conversione" ed "Entità di offset" consentono di referenziare entità di schizzo e geometria di modello per creare nuove entità di schizzo. Se la geometria originale cambia, cambiano anche le entità di conversione e di offset. Creazione di entità convertite in un nuovo schizzo. Creazione di entità di offset. Creazione di uno slot tramite entità di offset.
Lesson
7 mesi fa
ENG
JPN
Per specchiare le entità di schizzo esistenti è possibile utilizzare lo strumento Specchia entità o aggiungere di relazioni di simmetria, oppure specchiare dinamicamente le entità di schizzo a mano a mano che vengono create. Specchiatura di entità di schizzo create in precedenza. Specchiatura dinamica di entità di schizzo durante la creazione. Aggiunta di relazioni di simmetria alle entità di schizzo per specchiare le entità.
Lesson
7 mesi fa
ENG
JPN
È possibile utilizzare ConfigurationManager per aggiungere configurazioni a un assieme e mostrare due versioni dei relativi componenti, nonché esaminare le opzioni avanzate delle proprietà di configurazione. Uso di ConfigurationManager per aggiungere configurazioni a un assieme. Uso delle opzioni avanzate delle proprietà di configurazione per controllare nuovi componenti e accoppiamenti. Creazione di due versioni dell'assieme per rappresentare i vari componenti disponibili.
Lesson
7 mesi fa
ENG
JPN
È possibile utilizzare ConfigurationManager per aggiungere configurazioni e modificare la parte controllando lo stato di sospensione delle funzioni e configurando le quote. Uso di ConfigurationManager per aggiungere configurazioni a una parte. Sospensione di funzioni per rappresentare una versione diversa del modello. Configurazione di quote per creare versioni di una parte con dimensioni diverse.
Lesson
7 mesi fa
ENG
JPN
Le variabili globali consentono di dichiarare un valore denominato su cui è possibile impostare le quote o che può essere utilizzato nelle equazioni. Le equazioni sono espressioni matematiche che consentono di definire valori di quotatura e correlare le quote tra loro. Creazione di variabili globali. Uso di variabili globali per l'impostazione di funzioni di raccordo e raggi uguali. Uso di variabili globali nelle equazioni. Uso di equazioni per controllare i valori di quotatura.
Lesson
7 mesi fa
ENG
JPN
inserimento di quote pilota in uno schizzo tramite lo strumento Quota intelligente. Tramite un singolo strumento è possibile creare quote radiali per gli archi, quote lineari tra due punti e molto altro ancora. La quota visualizzata dipende dalle entità selezionate. Inserimento di quote lineari, angolai, radiali e di altro tipo. Modifica delle quote. Spostamento e riconnessione di quote.
Lesson
7 mesi fa
ENG
JPN
Rifilo di entità di schizzo per rimuovere la geometria indesiderata. Rifilo di entità di schizzo in base alla prossimità e alle intersezioni con altre entità di schizzo. Rifilo di entità di schizzo tramite le opzioni Potenza, Angolo, Massima vicinanza, Interna ed esterna.
Lesson
7 mesi fa
ENG
JPN
Illustra la creazione di raccordi e smussi per modificare la geometria di uno schizzo. Impostazione di dimensioni e opzioni per i raccordi e gli smussi di uno schizzo. Creazione di raccordi e smussi in uno schizzo. Opzioni per la creazione di raccordi e smussi in uno schizzo.
Lesson
7 mesi fa
ENG
JPN
Creazione di un disegno da un file di parte esistente, inserimento di viste di base, inserimento e manipolazione di quote e callout. Creazione del disegno base di una parte. Inserimento di viste standard. Importazione di quote da un modello a un disegno. Modifica di una quota. Illustrazione dell'associatività tra il modello e i relativi disegni.
Lesson
7 mesi fa
ENG
JPN
Vengono creati alcuni schizzi 3D utilizzando il sistema di coordinate predefinito del modello per orientare l'entità di schizzo. Si aggiungono quindi relazioni e quote per vincolare le dimensioni dell'entità di schizzo. Utilizzo del feedback su schermo durante la creazione degli schizzi. Utilizzo di piani per orientare le entità di schizzo 3D. Modifica del piano di schizzo tramite la pressione del tasto TAB oppure tramite l'uso di un piano o una faccia planare. Visualizzazione di più viste per modificare le entità di schizzo 3D.
Lesson
1 anno fa
ENG
JPN
La specchiatura di componenti permette di creare versioni di parti o sottoassiemi opposti ma identici. È sufficiente specificare i componenti che devono essere specchiati e quelli che devono essere semplicemente copiati (ad esempio, i fissaggi non devono essere specchiati). La geometria di un componente specchiato cambia in modo da creare una versione specchiata del componente, nota come versione "opposta". Specchiatura di componenti rispetto a un piano di assemblaggio. Creazione di versioni specchiate delle parti di un assieme. Creazione di versioni opposte delle parti.
Lesson
1 anno fa
ENG
JPN
Vengono creati alcuni schizzi 2D o 3D in cui le facce di un modello intersecano il piano di schizzo o si intersecano tra loro. È possibile utilizzare gli schizzi per determinare gli angoli di sformo e valutare la curvatura, per utilizzarla come percorso della sweep e molto altro ancora. Creazione di entità di schizzo 2D in cui le facce selezionate intersecano il piano di schizzo. Creazione di entità di schizzo 3D in cui le facce selezionate si intersecano tra loro.
Lesson
1 anno fa
ENG
JPN
Si proietta uno schizzo su un altro schizzo per creare una curva che rappresenta la gabbia di una bottiglia d'acqua. Creazione di schizzi che rappresentano la forma complessiva della bottiglia d'acqua. Proiezione di uno schizzo su un altro per la creazione di una curva 3D. Creazione di una funzione di sweep utilizzando la curva 3D come percorso.
Lesson
1 anno fa
ENG
JPN
Viene creato un raccordo a raggio variabile, in cui si imposta il valore del raggio in corrispondenza di punti di controllo e vertici selezionati. È inoltre possibile impostare il raggio su zero per forzare il raccordo a convergere su un punto. Creazione di un raccordo con raggio variabile lungo il bordo selezionato. Modifica del valore del raggio in corrispondenza di vertici o punti di controllo. Creazione di raccordi con raggio zero per forzare il raccordo a convergere su un punto.
Lesson
1 anno fa
ENG
JPN
Applicazione di un raccordo di transizione a vertici in cui si incontrano tre o più bordi. I raccordi di transizione consentono di modellare blend dall'aspetto più regolare in corrispondenza dei vertici. Aggiunta di valori di transizione a vertici in cui si incontrano tre o più bordi.
Lesson
1 anno fa
ENG
JPN