Aggiungendo uno dei sei tipi di accoppiamenti meccanici è possibile controllare i gradi di libertà dei componenti durante il design dei meccanismi. Accoppiamento di un cilindro, un piano o un punto a una serie di facce tangenti con un accoppiamento di punteria. Limitazione dello spostamento rotazionale tra due componenti con un accoppiamento cardine. Spostamento lineare di un componente per determinare la rotazione di un altro componente tramite un accoppiamento sistema a cremagliera. Aggiunta di una relazione di passo tra la rotazione di un componente e la traslazione di un componente tramite un accoppiamento con vite. Rotazione di due componenti uno rispetto all'altro con un accoppiamento a ingranaggi o un accoppiamento del giunto cardanico.
Lesson
8 mesi fa
ENG
JPN
È possibile modellare parti nel contesto di un assieme, utilizzando riferimenti ad altri componenti per completare il design. La finalità di design per le nuove parti (dimensioni delle funzioni, posizione dei componenti nell'assieme e così via) viene dedotta dagli altri componenti di un assieme. Creazione di una parte virtuale nel contesto di un assieme, tramite le tecniche di modellazione top-down. Creazione di funzioni nel contesto dell'assieme attraverso la referenziazione della geometria nelle parti accoppiate. Differenza tra accoppiamenti sul posto e riferimenti esterni. Identificazione di riferimenti esterni nell'albero di disegno FeatureManager.
Lesson
8 mesi fa
ENG
JPN
È possibile inserire in un assieme funzioni esistenti solo nell'assieme e non nei file delle singole parti. Aggiunta della funzione di assieme Creazione guidata fori. Creazione di un taglio a una funzione di assieme per creare una vista in sezione. Modifica dell'ambito di una funzione per identificare le parti interessate dalla funzione di assieme.
Lesson
8 mesi fa
ENG
Uso delle opzioni Dinamica fisica durante lo spostamento dei componenti per consentire un'interazione realistica fra i componenti di un assieme. La funzione Dinamica fisica consente di identificare le collisioni tra le facce e permette ai componenti di spingersi a vicenda quando entrano in contatto. Opzioni disponibili per il comando Sposta componente. Uso dell'opzione Dinamica fisica per simulare l'interazione fra più componenti in fase di spostamento. Limitazioni di Dinamica fisica rispetto allo studio del movimento. Come risolvere i problemi durante l'utilizzo dell'opzione Dinamica fisica.
Lesson
9 mesi fa
ENG
JPN
Lo strumento di rilevamento delle interferenze consente di identificare le eventuali parti sovrapposte in un assieme. La distanza tra le parti può essere rilevata anche utilizzando lo strumento Verifica distanza. Uso dello strumento Rilevamento interferenze per identificare le interferenze tra i componenti di un assieme. Analisi delle opzioni disponibili nello strumento Rilevamento interferenze. Uso dello strumento Verifica distanza per determinare le distanze fra i componenti di un assieme. Analisi delle opzioni disponibili per lo strumento Verifica distanza.
Lesson
9 mesi fa
ENG
JPN
È possibile utilizzare ConfigurationManager per aggiungere configurazioni a un assieme e mostrare due versioni dei relativi componenti, nonché esaminare le opzioni avanzate delle proprietà di configurazione. Uso di ConfigurationManager per aggiungere configurazioni a un assieme. Uso delle opzioni avanzate delle proprietà di configurazione per controllare nuovi componenti e accoppiamenti. Creazione di due versioni dell'assieme per rappresentare i vari componenti disponibili.
Lesson
9 mesi fa
ENG
JPN
La specchiatura di componenti permette di creare versioni di parti o sottoassiemi opposti ma identici. È sufficiente specificare i componenti che devono essere specchiati e quelli che devono essere semplicemente copiati (ad esempio, i fissaggi non devono essere specchiati). La geometria di un componente specchiato cambia in modo da creare una versione specchiata del componente, nota come versione "opposta". Specchiatura di componenti rispetto a un piano di assemblaggio. Creazione di versioni specchiate delle parti di un assieme. Creazione di versioni opposte delle parti.
Lesson
1 anno fa
ENG
JPN
Come utilizzare i comandi della vista di disegno specifici per l'utilizzo di modelli di assieme che includono viste in sezione scomposta, viste di posizione alternativa e viste esplose. Uso delle proprietà delle viste di disegno per rappresentare le configurazioni degli assiemi. Creazione di una vista in sezione scomposta per mostrare i componenti interni di un assieme. Creazione di una vista di posizione alternativa utilizzando una configurazione nuova o esistente. Creazione di una vista di disegno di un assieme esploso.
Lesson
1 anno fa
ENG
JPN
La modalità Revisione grande progetto offre prestazioni superiori e migliora le funzioni visive, limitando al tempo stesso l'accesso ai dettagli di sottoassiemi e parti costitutive. La modalità Revisione grande progetto è perfetta per presentazioni visive, misurazioni approssimative e viste in sezione. Apertura di un assieme in modalità Revisione grande progetto. Strumenti e funzioni disponibili nella modalità Revisione grande progetto. Analisi delle limitazioni della modalità Revisione grande progetto.
Lesson
1 anno fa
ENG
JPN
I blocchi consentono di raggruppare entità di schizzo e quote al fine di spostarli come una singola entità in uno schizzo. Utilizzando anche uno schizzo di layout, è possibile passare direttamente dallo schizzo di un assieme all'assieme completo. Creazione, modifica e salvataggio di blocchi. Creazione di uno schizzo di layout di un assieme utilizzando i blocchi. Creazione di componenti di assiemi basati su blocchi esistenti.
Lesson
1 anno fa
ENG
JPN
La funzione Serie fori consente di aggiungere fori a più componenti in un assieme. Diversamente dalle comuni funzioni per gli assiemi, Serie fori aggiunge funzioni a livello di parte ai singoli componenti. Creazione di una funzione Serie fori in un assieme. Creazione di una funzione Serie fori a partire da una funzione foro esistente. Differenza tra la funzione Serie fori e una tipica funzione di assieme.
Lesson
1 anno fa
ENG
JPN
Per controllare la visibilità e lo stile di visualizzazione dei componenti, è possibile creare stati di visualizzazione che possono essere collegati alle configurazioni di un assieme. Gli stati di visualizzazione consentono di mostrare e nascondere i componenti e permettono di controllarne la modalità di visualizzazione, l'aspetto e la trasparenza. Aggiunta di stati di visualizzazione a un assieme. Modifica delle proprietà visive dei componenti con stati di visualizzazione. Analisi delle tecniche di selezione dei componenti. Utilizzo del riquadro di visualizzazione. Apertura di un assieme con una configurazione e uno stato di visualizzazione specifici. Collegamento degli stati di visualizzazione alle configurazioni.
Lesson
1 anno fa
ENG
JPN